News
Loading...

La macchina della morte

Da sempre l’uomo sogna di conoscere il suo futuro e quando e come morirà. Una macchina recentemente inventata risponde a una di queste domande profetizzando con un semplice esame del sangue come morirà. Ma le sue indicazioni sono sibilline e ingannevoli.

Sarà in libreria il 26 gennaio, edita da Guanda nella collana Narratori della Fenice una antologia che negli Usa, prima nel web e poi su carta ha avuto un notevole successo.
Parliamo di La macchina della morte (Machine of Death, 2010) antologia a cura di Ryan North, Matthew Bennardo e David Malki!.
Il volume contiene trentaquattro racconti di cui trenta scritti da autori conosciuti o esordienti e quattro sono stati scritti dai curatori.

Il libro è nato quasi per caso da una battuta casuale del tirannosauro,  personaggio principale del fumetto Dinosaur Comics di Ryan North.
La battuta del tirannosauro che parlava dell’invenzione di una “Macchina della Morte” colpì la fantasia di moltissimi lettori che posero all’autore una serie di domande su come poteva funzionare questa macchina e quali riflessi avrebbe avuto nella vita di ognuno di noi.
La premessa è stata semplicissima, viene costruita una macchina che analizzando un semplice campione di sangue, riesce a predire come morirà la persona a cui appartiene quel campione.
La macchina non fornisce la data ma una stringata indicazione, come: annegato, vecchiaia, soffocato da una manciata di pop corn, sepolto vivo, cause naturali eccetera.
Attenzione però, queste brevissime indicazioni possono nascondere delle “fregature” in quanto per esempio: la morte per "cause naturali" può nascondere il fatto di morire colpito in testa da un Koala caduto da un albero. Vecchiaia? Potrebbe ucciderti un vecchio e così via.
Tramite il Web tutti sono stati invitati a scrivere una storia su questa affascinante tematica e in poco tempo i curatori sono stati letteralmente sommersi da centinaia di racconti sia di autori noti con alle spalle romanzi e racconti già pubblicati e sia di scrittori dilettanti che avevano trovato divertente l’argomento.
Furono selezionati oltre seicento racconti e per i curatori il dilemma più grande è diventato scegliere racconti non solo di ottima qualità, ma anche rappresentativi della varietà di idee e approcci.
Sono racconti che provengono da ogni parte del mondo, che spaziano dalla fantascienza al fantasy, dall’avventura all’horror, dal giallo al racconto umoristico.
Insomma è stato toccato ogni genere esistente e anche qualcuno che non esiste ancora.

I curatori. Ryan North è il creatore del  Dinosaur Comics, uno dei più popolari e divertenti fumetti su web. Vive a Toronto, in Canada con la moglie,
Matthew Bennardo ha una laurea in inglese e gestione aziendale, ha scritto  racconti di fantascienza pubblicati su varie riviste. Vive a  Cleveland, Ohio. 
Davide Malki! (il punto esclamativo fa parte del cognome...) è l'autore del fumetto Wondermark. Vive a Los Angeles con sua moglie Nikki.

La quarta di copertina. La macchina è stata inventata quasi per caso qualche anno fa. Con un semplice esame del sangue sa predire il modo in cui lasceremo questo mondo. Nessuna data. Nessun dettaglio. Solo un foglietto di carta con poche parole, insieme precise e insopportabilmente vaghe. Un oracolo infallibile, criptico e beffardo. Spaziando dall'umorismo alla fantascienza, dall'horror all'avventura, trentaquattro racconti di autori diversi immaginano mondi in cui il fatale responso della Macchina della Morte diviene il fondamento di una nuova gerarchia sociale o una semplice voce del curriculum, un mostro pervasivo contro cui lottare o una moda passeggera, il dato che può bruciare la carriera di un politico o il centro di nuovi giochi di società. Trentaquattro voci diverse per indagare come cambierebbero i rapporti umani e il lavoro, gli ospedali e le scuole, la giustizia e il crimine. Saremmo più liberi o vivremmo incatenati a quella sentenza ineluttabile, condizionati in ogni scelta da un destino che può materializzarsi in qualsiasi momento? Saremmo morbosamente attratti da ciò che ci ucciderà o cercheremmo di fingere con noi stessi di non sapere nulla? Sfideremmo la macchina per smentire il suo verdetto o cambieremmo la nostra vita nel tentativo di allontanare il più possibile un finale già scritto?

Da un'idea nata sul web, un libro che può sembrare un gioco, ma che è anche un modo per riflettere sulla nostra ossessione di voler sapere tutto, di svelare anche l'ultimo mistero.
Ryan North, Matthew Bennardo e David Malki! (a cura di), La macchina della morte (Machine of Death, 2010), Traduzione Giovanni Garbellini

Ugo Guanda Editore, collana Narratori della Fenice, pagg. 549, euro 19,00

Fonte: link
Share on Google Plus

About Jimi Erre

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.

0 commenti :

Posta un commento

La macchina della morte

Da sempre l’uomo sogna di conoscere il suo futuro e quando e come morirà. Una macchina recentemente inventata risponde a una di queste domande profetizzando con un semplice esame del sangue come morirà. Ma le sue indicazioni sono sibilline e ingannevoli.

Sarà in libreria il 26 gennaio, edita da Guanda nella collana Narratori della Fenice una antologia che negli Usa, prima nel web e poi su carta ha avuto un notevole successo.
Parliamo di La macchina della morte (Machine of Death, 2010) antologia a cura di Ryan North, Matthew Bennardo e David Malki!.
Il volume contiene trentaquattro racconti di cui trenta scritti da autori conosciuti o esordienti e quattro sono stati scritti dai curatori.

Il libro è nato quasi per caso da una battuta casuale del tirannosauro,  personaggio principale del fumetto Dinosaur Comics di Ryan North.
La battuta del tirannosauro che parlava dell’invenzione di una “Macchina della Morte” colpì la fantasia di moltissimi lettori che posero all’autore una serie di domande su come poteva funzionare questa macchina e quali riflessi avrebbe avuto nella vita di ognuno di noi.
La premessa è stata semplicissima, viene costruita una macchina che analizzando un semplice campione di sangue, riesce a predire come morirà la persona a cui appartiene quel campione.
La macchina non fornisce la data ma una stringata indicazione, come: annegato, vecchiaia, soffocato da una manciata di pop corn, sepolto vivo, cause naturali eccetera.
Attenzione però, queste brevissime indicazioni possono nascondere delle “fregature” in quanto per esempio: la morte per "cause naturali" può nascondere il fatto di morire colpito in testa da un Koala caduto da un albero. Vecchiaia? Potrebbe ucciderti un vecchio e così via.
Tramite il Web tutti sono stati invitati a scrivere una storia su questa affascinante tematica e in poco tempo i curatori sono stati letteralmente sommersi da centinaia di racconti sia di autori noti con alle spalle romanzi e racconti già pubblicati e sia di scrittori dilettanti che avevano trovato divertente l’argomento.
Furono selezionati oltre seicento racconti e per i curatori il dilemma più grande è diventato scegliere racconti non solo di ottima qualità, ma anche rappresentativi della varietà di idee e approcci.
Sono racconti che provengono da ogni parte del mondo, che spaziano dalla fantascienza al fantasy, dall’avventura all’horror, dal giallo al racconto umoristico.
Insomma è stato toccato ogni genere esistente e anche qualcuno che non esiste ancora.

I curatori. Ryan North è il creatore del  Dinosaur Comics, uno dei più popolari e divertenti fumetti su web. Vive a Toronto, in Canada con la moglie,
Matthew Bennardo ha una laurea in inglese e gestione aziendale, ha scritto  racconti di fantascienza pubblicati su varie riviste. Vive a  Cleveland, Ohio. 
Davide Malki! (il punto esclamativo fa parte del cognome...) è l'autore del fumetto Wondermark. Vive a Los Angeles con sua moglie Nikki.

La quarta di copertina. La macchina è stata inventata quasi per caso qualche anno fa. Con un semplice esame del sangue sa predire il modo in cui lasceremo questo mondo. Nessuna data. Nessun dettaglio. Solo un foglietto di carta con poche parole, insieme precise e insopportabilmente vaghe. Un oracolo infallibile, criptico e beffardo. Spaziando dall'umorismo alla fantascienza, dall'horror all'avventura, trentaquattro racconti di autori diversi immaginano mondi in cui il fatale responso della Macchina della Morte diviene il fondamento di una nuova gerarchia sociale o una semplice voce del curriculum, un mostro pervasivo contro cui lottare o una moda passeggera, il dato che può bruciare la carriera di un politico o il centro di nuovi giochi di società. Trentaquattro voci diverse per indagare come cambierebbero i rapporti umani e il lavoro, gli ospedali e le scuole, la giustizia e il crimine. Saremmo più liberi o vivremmo incatenati a quella sentenza ineluttabile, condizionati in ogni scelta da un destino che può materializzarsi in qualsiasi momento? Saremmo morbosamente attratti da ciò che ci ucciderà o cercheremmo di fingere con noi stessi di non sapere nulla? Sfideremmo la macchina per smentire il suo verdetto o cambieremmo la nostra vita nel tentativo di allontanare il più possibile un finale già scritto?

Da un'idea nata sul web, un libro che può sembrare un gioco, ma che è anche un modo per riflettere sulla nostra ossessione di voler sapere tutto, di svelare anche l'ultimo mistero.
Ryan North, Matthew Bennardo e David Malki! (a cura di), La macchina della morte (Machine of Death, 2010), Traduzione Giovanni Garbellini

Ugo Guanda Editore, collana Narratori della Fenice, pagg. 549, euro 19,00

Fonte: link

Nessun commento:

Posta un commento